Il nuovo dispositivo da masticare per il riequilibrio della masticazione.

Protocolli di utilizzo per igieniste dentali

Prevenire e risolvere. Gli obiettivi principali nell’utilizzo di Alifix.

Alifix è stato studiato per un utilizzo da parte del medico, dei collaboratori e direttamente dai pazienti, a casa.

Quando si usa:

Valutazione della muscolatura della masticazione per individuare i fattori di rischio per lo sviluppo di problematiche funzionali. Comunicazione con il paziente per informarlo sulla salute della muscolatura della sua masticazione.

Test della stanchezza

E’ un test da sforzo (leggero) che fa emergere i problemi muscolari non evidenti (silenti).

  • Inserire Alifix tra i denti, prima con lo spessore maggiore del cuneo posteriore e poi anteriore chiedendo al paziente in quale posizione si sente più comodo (utilizzare la posizione più comoda).
  • Fare masticare dolcemente fino alla comparsa della prima sensazione di stanchezza muscolare.
  • Se la stanchezza insorge prima di 5 minuti, il rischio di sviluppare problemi disfunzionali a qualsiasi cambiamento dell’occlusione è presente in misura tanto maggiore quanto è ridotto il tempo. Se la masticazione dura più di 5 minuti la muscolatura del paziente risulta normale.

Prevenire:

l’igienista può quindi informare il paziente e riferire al dentista il risultato del test e permettergli di impostare una terapia preventiva, evitando così l’insorgenza di eventuali problemi funzionali durante le cure dentali, protesi, trattamenti ortodontici.

Controindicazioni

Problematiche in fase acuta (infiammatoria, infettiva, muscolare, contratture.)
Lesioni strutturali (traumi / fratture mandibolari o dentali, lesioni tissutali.)
Locking articolare acuto mono o bilaterale.
Parodontopatie con mobilità dentale.

Da non utilizzare
Di notte o durante il sonno (potrebbe essere ingerito accidentalmente)
Al di sotto dei 7 anni (nell’età dello sviluppo è richiesto il controllo da parte del genitore)
Patologie nervose (a livello esemplificativo: paralisi nervose, epilessia, Tourette syndrome.)
Particolari situazioni che inducono conati e rigurgiti
Durante attività in cui si possono prevedere colpi o cadute per evitare l’ingestione accidentale.